21 Ottobre 2012

GuitArt 62 - Laboratorio didattico per le scuole ad indirizzo musicale

Il numero 62 (anno dodicesimo aprile/giugno 2011) della rivista internazionale GuitArt è ricco di contenuti: dalle cronache chitarristiche (Piero viti, ALirio Diaz, Emanuel Segre etc.), all’intervista al Duo Caputo-Pompilio (alla rivista è allegato il Cd del duo Caputo-Pompilio), all’intevista a Carlo Ambrosio e Agatino Scuderi, alla sezione Didattica e a quella recensioni.

Nella rubrica dedicata alle scuole medie ad indirizzo musicale, GuitArt pubblica alcuni arrangiamenti e composizioni originali di Fabio de Simone per chitarra sola e per duo di chitarre.

Il laboratorio di didattica per le scuole sperimentali si apre con tre arrangiamenti raccolti sotto il titolo: “Shoah - Canti alla Memoria”.

Il “Canto n. 1” è nella tonalità di Re minore, il “Canto n. 2” è nella tonalità di Do Maggiore e il “Canto n. 3” è nella tonalità di Si minore. I primi due sono arrangiamenti pensati per due chitarre mentre l’ultimo è una composizione originale.

In tutti e tre i “Canti” la difficoltà della prima chitarra consiste nello svilupparsi della melodia dalla prima parte del manico della chitarra fino al IX tasto, utilizzando le prime tre corde dello strumento. Nel “Canto n. 3” è presente anche la tecnica della legatura ascendente che il maestro spiegherà in classe all’alunno.

Nel “Canto n. 2” la melodia, costituita prevalentemente da crome, è accompagnata dalla seconda chitarra, affidata al maestro, che deve eseguire un accompagnamento terzinato che si dirama per tutta la durata del brano.

Per chitarra solista sono state pubblicate le seguenti composizioni originali: “Piccolo blues”, “Sogno d’Arabia” e “Camminando in basso”.

“Piccolo blues” è stato composto nella tonalità di Mi Maggiore rispettando la forma standard del blues, anche se nel corso nel brano sono presenti alcune digressioni modali. Il modo di esecuzione del pezzo deve rispettare lo stile puntato caratteristico del blues, per cui si richiede all’alunno di osservare le note a piè di pagina che mostrano il corretto modo di esecuzione. L’allievo deve inoltre rispettare gli accenti lì dove sono riportati. Il brano può essere eseguito con le legature così come è scritto o, laddove necessario, anche senza. Il maestro spiegherà all’alunno che a battuta dieci il do naturale sulla quinta corda potrà essere eseguito anche con la tecnica della “legatura falsa” o “legatura per percussione”, che consente di legare su corde diverse una nota con un’altra più acuta o più grave.

“Sogno d’Arabia” rimanda l’attenzione dell’alunno alle sonorità orientali per cui ho cercato di coinvolgere l’allievo in un diverso mondo sonoro, che a sua volta lo spinge a ricercare le sonorità caratteristiche del pezzo suonando sia sulla buca sia sul ponticello.

“Camminando in basso”, nella tonalità di Re Maggiore, è una composizione che pone la melodia appunto al basso e che presenta all’interno la tecnica del portamento. Il maestro spiegherà all’alunno che le frasi uguali devono essere eseguite con timbriche differenti, per cui sarà necessario suonare spostando la mano destra dalla buca al ponticello. Il maestro spiegherà all’alunno come suonare correttamente utilizzando la tecnica del pollice della mano destra.

Anche questo brano potrà essere eseguito senza legature se necessario. La sonorità ricercata è nello stile della musica pop.

Per acquistare la rivista o abbonarsi a GuitArt potete collegarvi ai seguenti indirizzi:

  * http://www.guitart.it/

  * http://www.atelierdelaguitarra.it/

Elenco pubblicazioni

22-04-2019 4:45

Scegli il colore:

Altre informazioni qui.

Newsletter

Cancella

Copyright 2008 / 2019 Fabio de Simone | contatti